Le ragioni del SI e quelle del NO per una fusione partecipata

Possono i cittadini prendere una decisione consapevole a favore o contro la fusione dei propri comuni? Naturalmente sì; attraverso un confronto continuo, aperto e trasparente con i loro amministratori e con i propri concittadini.

Il Consorzio dei Comuni Trentini mette a disposizione di questo processo la piattaforma ComunWeb , che ospita un insieme di strumenti che favoriscono il dialogo tra Ente e cittadino e tra cittadini e che permettono di interpretare le pratiche più innovative di un'amministrazione pubblica che si mette dalla parte dei cittadini.

Questo “kit per la partecipazione”, consente di realizzare attraverso il web:

  • discussioni pubbliche on-line, per valutare le decisioni dell'Ente insieme ai cittadini;
  • storytelling, per condividere esperienze e testimonianze degli amministratori in forma collaborativa, anche attraverso interviste;
  • raccogliere le segnalazioni inviate da parte del cittadino, relative a problematiche specifiche che egli rileva vivendo il territorio;
  • indagini per raccogliere opinioni molto puntuali sulle abitudini dei cittadini o sul grado di soddisfazione relativo ai servizi dell'Ente; qualora la sua richiesta sia riconducibile ad un processo che prevede della modulistica, il cittadino potrà compilarla ed inoltrarla via web;
  • uno spazio collaborativo, per facilitare gli scambi e favorire il confronto tra persone all'interno dell'Ente e tra enti diversi.

Oltre agli strumenti tecnologici (media civici), elaborati in stretta collaborazione con gli enti locali, il “kit per la partecipazione” prevede anche l'adozione di una metodologia, che tiene conto di:

  • una strategia di comunicazione efficace, che si avvale di numerosi strumenti tecnologici di supporto
  • la capacità di raggiungere in maniera capillare la popolazione locale, attraverso la community di amministratori locali ed i canali digitali ufficiali degli EE.LL.

Utilizzando i media civici, gli amministratori locali (sindaci, assessori, segretari comunali, …) possono avviare discussioni attraverso il sito web istituzionale del comune e coinvolgere direttamente i cittadini nella valutazione delle proprie proposte; possono stabilire di volta in volta le tematiche specifiche sulle quali vorranno indirizzare l'attenzione dei cittadini del proprio comune; una volta attivati tali strumenti, gli amministratori possono accedere via web al proprio cruscotto e monitorare l'evolversi della situazione in tempo reale.

Tali strumenti rappresentano una possibilità concreta ed innovativa per sviluppare la partecipazione attiva ed il senso civico espresso dal basso; tali elementi non solo favoriscono l’accettazione delle scelte pubbliche ma fanno diventare l’amministrazione più aperta ed affidabile agli occhi del cittadino, detentore della sovranità in un regime democratico. Infondendo un senso di fiducia nei confronti dei poteri pubblici e migliorando la qualità delle politiche pubbliche attraverso processi partecipativi, il rafforzamento delle relazioni amministrazione/cittadini accresce la legittimità del governo.

Giovedì, 22 Gennaio 2015 - Ultima modifica: Lunedì, 09 Marzo 2015